Eventi e manifestazioni

Anno 2016

18 Agosto - Laino Borgo (CS)

Antichi mestieri e i due bianchi: aglio e fagiolo poverello bianco Un'antica ricchezza della valle del Mercure
© Archeo Geo Pollino - Trekking 2011
Archeo Geo Pollino - Trekking Contatti e informazioni: dr. Terenzio Calvosa tel. +39 347 6352 170 email: archeo.geo.pollino@gmail.com Piazza Navarro n. 16  87014 LAINO BORGO (CS) Codice fiscale: 94021580785

22 Agosto - Laino Borgo (CS)

Il territorio di Laino in epoca antica tra tracce archeologichee prospettive di ricerca Seminario/convegno

23 Agosto - Laino Borgo (CS)

La manifestazione degli antichi mestieri continua... ... dalla farina al pane nella «mattra»... alla lavorazione delle mozzarelle

13 Settembre - Laino Borgo (CS)

25° incoronazione della Madonna dello Spasimo 29 Maggio 1991 - 29 Maggio 2016, da S.S. Giovanni Paolo II Convegno dal tema: "Domenico Longo e i pellegrini calabresi nel 1500 in Terra Santa"

17 Settembre - Laino Borgo (CS)

Cinti votivi in processione per il paese in onore della Madomma delle “Cappelle”

18 Settembre - Laino Borgo (CS)

Processione cinti votivi al Santuario della Madonna delle “Cappelle” Si porta a conoscenza che: l'Associazione ha contattato l’Opera Romana Pellegrinaggiper una maggiore visibilità e conoscenza del luogo custodito a Laino Borgo, unico nel centro Sud Italia.

Anno 2015

18 Agosto - Laino Borgo (CS)

Valorizzazione del fagiolo Poverello Bianco (Puvurieddu jancu) Un'antica ricchezza della Valle del Mercure

Anno 2014

17 Agosto - Laino Borgo (CS)

“U casaro in piazza" - dal latte... al formaggio, al "paddaccio", alla ricotta Con musiche e canti della valle del Mercure-Lao

Marzo - Laino Borgo (CS)

La “Corajisima”…" - Prima edizione Le   Corajisime,   le   Curemme,   Quarjisime,   o   anche   Quaremme,   un   termine   della   tradizione   popolare   Calabrese   e   del   Meridione d’Italia   che   indica   il   periodo   della   Quaresima.   Un’usanza   antica   ed   arcaica   che   ha   una   originaria   funzione   pagana   legata   al   culto dionisiaco   legati   ai   ritmi   della   natura,   al   ciclo   delle   stagioni,   ma   anche   al   mondo   sotterraneo   e   della   resurrezione   della   terra   per l'arrivo   della   primavera.   Sono   fantocci   vestiti   tradizionalmente   di   nero   e   di   bianco,   i   colori   del   lutto,   hanno   bocca,   occhi   e   naso cuciti   con   il   filo   nero,   in   una   mano   un   fuso   con   della   lana   ed   una   rocca   (simbolicamente   ad   indicare   il   trascorrere   del   tempo)   e nell’atra   una   patata   sulla   quale   sono   conficcate,   in   modo   circolare,   sette   penne   di   gallina,   sei   bianche   ed   una   nera   o   colorata.   La patata   rappresenta   il   sesso   femminile,   le   sette   penne   l'interdizione   temporanea   al   rapporto sessuale,   il   periodo   d'astinenza   quaresimale.   Un   antico   calendario   simbolico,   rituale,   che   in alcune   zone   calabresi   è   completato   da   collane   di   uva   passita   e   fichi   secchi   e   in   altri   paesi   da un   pezzo   di   guanciale,   un   peperoncino   e   uno   spicchio   d'aglio,   che   scandisce   i   giorni   di   magra dopo   il   periodo   grasso.   Credenze   popolari   identificano   Carnevale   e   Quaresima   come   fratello   e sorella   ma   anche   marito   e   moglie,   e   con   la   morte   di   re   Carnevale   iniziano,   in   attesa   della Pasqua,   le   sette   settimane   di   Quaresima.   Ogni   domenica   quaresimale,   dopo   aver   partecipato alla   Santa   Messa,   da   questa   simbolica   bambola   rituale, viene   tolta   una   penna   bianca.   L'ultima   penna,   quella nera   o   colorata,   viene   tolta   la   mattina   di   Pasqua.   Ciò rappresenta     la     fine     dell'astinenza     e     del     tempo quaresimale.    Numerosi    sono    i    riferimenti    tra    queste usanze,   il   mondo   antico   della   Magna   Grecia,   e   i   rituali praticati    in    occasione    della    semina    a    devozione    di Persefone   (e   successivamente   nel   periodo   Romano   con Proserpina).   Un   calendario   simbolico   colorato   di   nero   e di   bianco,   un   momento   soglia   di   morte   e   di   vita,   di negativo   e   di   positivo,   di   buono   e   di   cattivo   allo   stesso   tempo,   contrapposizioni   forti consegnate   da   millenni   ad   una   vecchia   bambola   con   la   quale   segnare   il   tempo   in   attesa della   rinascita,   della   resurrezione   e   del   risveglio   della   natura.   Questa   antica   tradizione popolare   ripresa   dall’Associazione   in   data   09/03/2014   si   pone   come   obiettivo   di   mantenere attivo il ricordo nelle future generazioni.
Nelle foto sopra, a destra la corajisima realizzata dalla sig.ra Rosa Micca e dal figlio Luigi Calvosa.

Anno 2013

28 Giugno - Laino Borgo (CS)

I luoghi di fede lungo il fiume Lao
Anno 2012 20 Agosto - Laino Borgo (CS) Storia del Fiume e suoni della Valle  17 Agosto - Laino Borgo (CS) Passeggiata astronomica in compagnia di Saturno e Giove
(2015) (2014)  (2013)  (2012)

Eventi e manifestazioni

Anno 2016

18 Agosto - Laino Borgo (CS)

Antichi mestieri e i due bianchi: aglio e fagiolo poverello bianco Un'antica ricchezza della valle del Mercure
© Archeo Geo Pollino - Trekking 2011
Contatti e informazioni: dr. Terenzio Calvosa tel. +39 347 6352 170 email: archeo.geo.pollino@gmail.com Piazza Navarro n. 16  87014 LAINO BORGO (CS) Codice fiscale: 94021580785

22 Agosto - Laino Borgo (CS)

Il territorio di Laino in epoca antica tra tracce archeologichee prospettive di ricerca Seminario/convegno

23 Agosto - Laino Borgo (CS)

La manifestazione degli antichi mestieri continua... ... dalla farina al pane nella «mattra»... alla lavorazione delle mozzarelle

13 Settembre - Laino Borgo (CS)

25° incoronazione della Madonna dello Spasimo 29 Maggio 1991 - 29 Maggio 2016, da S.S. Giovanni Paolo II Convegno dal tema: "Domenico Longo e i pellegrini calabresi nel 1500 in Terra Santa"

17 Settembre - Laino Borgo (CS)

Cinti votivi in processione per il paese in onore della Madomma delle “Cappelle”

18 Settembre - Laino Borgo (CS)

Processione cinti votivi al Santuario della Madonna delle “Cappelle” Si porta a conoscenza che: l'Associazione ha contattato l’Opera Romana Pellegrinaggiper una maggiore visibilità e conoscenza del luogo custodito a Laino Borgo, unico nel centro Sud Italia.

Anno 2015

18 Agosto - Laino Borgo (CS)

Valorizzazione del fagiolo Poverello Bianco (Puvurieddu jancu) Un'antica ricchezza della Valle del Mercure

Anno 2014

17 Agosto - Laino Borgo (CS)

“U casaro in piazza" - dal latte... al formaggio, al "paddaccio", alla ricotta Con musiche e canti della valle del Mercure-Lao

Marzo - Laino Borgo (CS)

La “Corajisima”…" - Prima edizione Le   Corajisime,   le   Curemme,   Quarjisime,   o   anche   Quaremme,   un   termine   della   tradizione popolare   Calabrese   e   del   Meridione   d’Italia   che   indica   il   periodo   della   Quaresima.   Un’usanza antica   ed   arcaica   che   ha   una   originaria   funzione   pagana   legata   al   culto   dionisiaco   legati   ai   ritmi della   natura,   al   ciclo   delle   stagioni,   ma   anche   al   mondo   sotterraneo   e   della   resurrezione   della terra     per     l'arrivo     della     primavera.     Sono     fantocci     vestiti tradizionalmente   di   nero   e   di   bianco,   i   colori   del   lutto,   hanno bocca,   occhi   e   naso   cuciti   con   il   filo   nero,   in   una   mano   un   fuso con   della   lana   ed   una   rocca   (simbolicamente   ad   indicare   il trascorrere   del   tempo)   e   nell’atra   una   patata   sulla   quale   sono conficcate,    in    modo    circolare,    sette    penne    di    gallina,    sei bianche   ed   una   nera   o   colorata.   La   patata   rappresenta   il   sesso femminile,   le   sette   penne   l'interdizione   temporanea   al   rapporto sessuale,     il     periodo     d'astinenza     quaresimale.     Un     antico calendario   simbolico,   rituale,   che   in   alcune   zone   calabresi   è completato   da   collane   di   uva   passita   e   fichi   secchi   e   in   altri paesi   da   un   pezzo   di   guanciale,   un   peperoncino   e   uno   spicchio d'aglio,   che   scandisce   i   giorni   di   magra   dopo   il   periodo   grasso. Credenze   popolari   identificano   Carnevale   e   Quaresima   come fratello   e   sorella   ma   anche   marito   e   moglie,   e   con   la   morte   di re   Carnevale   iniziano,   in   attesa   della   Pasqua,   le   sette   settimane di   Quaresima.   Ogni   domenica   quaresimale,   dopo   aver   partecipato   alla   Santa   Messa,   da   questa simbolica   bambola   rituale,   viene   tolta   una   penna   bianca.   L'ultima   penna,   quella   nera   o   colorata, viene   tolta   la   mattina   di   Pasqua.   Ciò   rappresenta   la   fine   dell'astinenza   e   del   tempo   quaresimale. Numerosi   sono   i   riferimenti   tra   queste   usanze,   il   mondo   antico della   Magna   Grecia,   e   i   rituali   praticati   in   occasione   della   semina a    devozione    di    Persefone    (e    successivamente    nel    periodo Romano   con   Proserpina).   Un   calendario   simbolico   colorato   di nero   e   di   bianco,   un   momento   soglia   di   morte   e   di   vita,   di negativo   e   di   positivo,   di   buono   e   di   cattivo   allo   stesso   tempo, contrapposizioni    forti    consegnate    da    millenni    ad    una    vecchia bambola   con   la   quale   segnare   il   tempo   in   attesa   della   rinascita, della    resurrezione    e    del    risveglio    della    natura.    Questa    antica tradizione   popolare   ripresa   dall’Associazione   in   data   09/03/2014 si   pone   come   obiettivo   di   mantenere   attivo   il   ricordo   nelle   future generazioni.
Nelle foto sopra, a destra la corajisima realizzata dalla sig.ra Rosa Micca e dal figlio Luigi Calvosa.

Anno 2013

28 Giugno - Laino Borgo (CS)

I luoghi di fede lungo il fiume Lao
Anno 2012 20 Agosto - Laino Borgo (CS) Storia del Fiume e suoni della Valle  17 Agosto - Laino Borgo (CS) Passeggiata astronomica in compagnia di Saturno e Giove
(2015) (2014)  (2013)  (2012)
Archeo Geo Pollino - Trekking

Eventi e manifestazioni

Anno 2016

18 Agosto - Laino Borgo (CS)

Antichi mestieri e i due bianchi: aglio e fagiolo poverello bianco Un'antica ricchezza della valle del Mercure
Contatti e informazioni: dr. Terenzio Calvosa tel. +39 347 6352 170 email: archeo.geo.pollino@gmail.com Piazza Navarro n. 16  87014 LAINO BORGO (CS) Codice fiscale: 94021580785

22 Agosto - Laino Borgo (CS)

Il territorio di Laino in epoca antica tra tracce archeologichee prospettive di ricerca Seminario/convegno

23 Agosto - Laino Borgo (CS)

La manifestazione degli antichi mestieri continua... ... dalla farina al pane nella «mattra»... alla lavorazione delle mozzarelle

13 Settembre - Laino Borgo (CS)

25° incoronazione della Madonna dello Spasimo 29 Maggio 1991 - 29 Maggio 2016, da S.S. Giovanni Paolo II Convegno dal tema: "Domenico Longo e i pellegrini calabresi nel 1500 in Terra Santa"

17 Settembre - Laino Borgo (CS)

Cinti votivi in processione per il paese in onore della Madomma delle “Cappelle”

18 Settembre - Laino Borgo (CS)

Processione cinti votivi al Santuario della Madonna delle “Cappelle” Si porta a conoscenza che: l'Associazione ha contattato l’Opera Romana Pellegrinaggiper una maggiore visibilità e conoscenza del luogo custodito a Laino Borgo, unico nel centro Sud Italia.

Anno 2015

18 Agosto - Laino Borgo (CS)

Valorizzazione del fagiolo Poverello Bianco (Puvurieddu jancu) Un'antica ricchezza della Valle del Mercure

Anno 2014

17 Agosto - Laino Borgo (CS)

“U casaro in piazza" - dal latte... al formaggio, al "paddaccio", alla ricotta Con musiche e canti della valle del Mercure-Lao

Marzo - Laino Borgo (CS)

La “Corajisima”…" - Prima edizione Le   Corajisime,   le   Curemme,   Quarjisime,   o   anche   Quaremme,   un termine    della    tradizione    popolare    Calabrese    e    del    Meridione d’Italia   che   indica   il   periodo   della   Quaresima.   Un’usanza   antica ed   arcaica   che   ha   una   originaria   funzione   pagana   legata   al   culto dionisiaco   legati   ai   ritmi   della   natura,   al   ciclo   delle   stagioni,   ma anche   al   mondo   sotterraneo   e   della   resurrezione   della   terra   per l'arrivo   della   primavera.   Sono   fantocci   vestiti   tradizionalmente   di nero   e   di   bianco,   i   colori   del   lutto,   hanno   bocca,   occhi   e   naso cuciti   con   il   filo   nero,   in   una   mano   un fuso    con    della    lana    ed    una    rocca (simbolicamente      ad      indicare      il trascorrere   del   tempo)   e   nell’atra   una patata   sulla   quale   sono   conficcate,   in modo     circolare,     sette     penne     di gallina,   sei   bianche   ed   una   nera   o colorata.    La    patata    rappresenta    il sesso     femminile,     le     sette     penne l'interdizione   temporanea   al   rapporto sessuale,      il      periodo      d'astinenza quaresimale.    Un    antico    calendario simbolico,   rituale,   che   in   alcune   zone calabresi   è   completato   da   collane   di   uva   passita   e   fichi   secchi   e in   altri   paesi   da   un   pezzo   di   guanciale,   un   peperoncino   e   uno spicchio   d'aglio,   che   scandisce   i   giorni   di   magra   dopo   il   periodo grasso.   Credenze   popolari   identificano   Carnevale   e   Quaresima come   fratello   e   sorella   ma   anche   marito   e   moglie,   e   con   la morte   di   re   Carnevale   iniziano,   in   attesa   della   Pasqua,   le   sette settimane   di   Quaresima.   Ogni   domenica   quaresimale,   dopo   aver partecipato    alla    Santa    Messa,    da    questa    simbolica    bambola rituale,   viene   tolta   una   penna   bianca.   L'ultima   penna,   quella nera    o    colorata,    viene    tolta    la    mattina    di    Pasqua.    Ciò rappresenta    la    fine    dell'astinenza    e    del    tempo    quaresimale. Numerosi   sono   i   riferimenti   tra   queste   usanze,   il   mondo   antico della   Magna   Grecia,   e   i   rituali   praticati in   occasione   della   semina   a   devozione di    Persefone    (e    successivamente    nel periodo   Romano   con   Proserpina).   Un calendario   simbolico   colorato   di   nero   e di   bianco,   un   momento   soglia   di   morte e   di   vita,   di   negativo   e   di   positivo,   di buono   e   di   cattivo   allo   stesso   tempo, contrapposizioni    forti    consegnate    da millenni   ad   una   vecchia   bambola   con   la quale     segnare     il     tempo     in     attesa     della     rinascita,     della resurrezione     e     del     risveglio     della     natura.     Questa     antica tradizione   popolare   ripresa   dall’Associazione   in   data   09/03/2014 si   pone   come   obiettivo   di   mantenere   attivo   il   ricordo   nelle   future generazioni.
Nelle   foto   sopra,   a   destra   la   corajisima   realizzata   dalla   sig.ra   Rosa   Micca   e dal figlio Luigi Calvosa.

Anno 2013

28 Giugno - Laino Borgo (CS)

I luoghi di fede lungo il fiume Lao
Anno 2012 20 Agosto - Laino Borgo (CS) Storia del Fiume e suoni della Valle  17 Agosto - Laino Borgo (CS) Passeggiata astronomica in compagnia di Saturno e Giove
(2015) (2014)  (2013)  (2012)
Archeo Geo Pollino Trekking
© Archeo Geo Pollino - Trekking 2011